Area Territoriale - Iscrizione al Servizio Sanitario Regionale - Cittadini comunitari

I cittadini comunitari in temporaneo soggiorno nel territorio di uno Stato dell’Unione, possono ricevere le cure urgenti necessarie presentando alle strutture sanitarie preposte (medico/pediatra, pronto soccorso, continuità assistenziale prefestiva, festiva) la tessera TEAM (Tessera Europea Assicurazione Malattia) o altro modello rilasciato dalla istituzione competente del loro Paese d’origine.
La TEAM non può essere utilizzata per cure programmate (ad es. cure di alta specializzazione) per le quali è necessario il modello S2 (ex.E112).In mancanza della tessera TEAM o di altro documento equivalente, il cittadino comunitario in temporaneo soggiorno dovrà pagare per intero le tariffe delle prestazioni sanitarie erogate.

Soggiorno di durata INFERIORE ai tre mesi

L’iscrizione al Sevizio Sanitario Regionale e la scelta del medico/pediatra di famiglia sono previste solo nel caso in cui trattasi di lavoratori stagionali. Il cittadino comunitario dovrà presentarsi allo sportello di scelta-revoca del proprio distretto sanitario di residenza/domicilio presentando i seguenti documenti:

  1. documento valido per l'espatrio;
  2. contratto di lavoro stagionale;
  3. dichiarazione sostitutiva di certificazione del domicilio/stato di famiglia;
  4. dichiarazione sostitutiva di certificazione di non essere iscritto al servizio sanitario del paese di provenienza.

Soggiorno di durata SUPERIORE ai tre mesi

Il cittadino comunitario che soggiorna sul territorio nazionale - per un periodo superiore a tre mesi - ha diritto all'iscrizione al Servizio Sanitario Regionale e alla scelta del medico/pediatra operante nel distretto di residenza/domicilio, nei seguenti casi:

  • è un lavoratore subordinato (in possesso di un contratto di lavoro) o autonomo in Italia
  • è familiare, anche non cittadino dell’Unione, di un lavoratore subordinato o autonomo in Italia
  • è familiare di cittadino italiano
  • è in possesso di una attestazione di soggiorno permanente maturato dopo almeno cinque anni di residenza in Italia
  • è in stato di disoccupazione involontaria debitamente comprovata ed iscritto al Centro dell'Impiego o ad un corso di formazione professionale
  • è titolare del modello comunitario “S1” rilasciato da altro Stato UE

Il diritto sussiste qualora il cittadino comunitario non sia già iscritto al Servizio Sanitario di un altro Stato membro.

Il cittadino comunitario dovrà presentarsi allo sportello di scelta-revoca del proprio distretto sanitario di residenza/domicilio presentando i seguenti documenti:

  1. documento valido per l'espatrio
  2. contratto di lavoro subordinato
  3. visura camerale per il lavoratore autonomo
  4. dichiarazione sostitutiva di certificazione della residenza/domicilio/stato di famiglia/di lavoro
  5. dichiarazione sostitutiva di certificazione di non essere iscritto al servizio sanitario del paese di provenienza

La validità dell'iscrizione al SSR - del cittadino comunitario - è regolamentata dalla Circolare del Ministero della Salute n. 12712/I.3.b del 3 agosto 2007

Per i neonati è indispensabile ulteriore documentazione

  1. certificato dello stato di famiglia o dichiarazione sostitutiva di certificazione
  2. codice fiscale del neonato

Modulistica per i cittadini comunitari

  1. dichiarazione sostitutiva di certificazione
  2. dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà - vivenza a carico
  3. dichiarazione sostitutiva dell'atto di notorietà - motivi del domicilio sanitario
  4. modulo Consenso trattamento dei dati personali

La scelta/revoca può altresì essere effettuata anche da persone delegate dall’interessato presentando la documentazione sopracitata corredata dal modulo di delega

  1. modulo di delega

N.B.: la persona delegata dovrà presentarsi munita sia di un documento di identità del delegante sia del proprio

    Azienda USL della Valle d’Aosta