Psicotraumatologia e Riabilitazione Cognitiva

La Struttura di Psicotraumatologia e Riabilitazione Cognitiva è una struttura operativa a livello ambulatoriale, integrata nel Dipartimento di Salute Mentale della Azienda Usl Valle d’Aosta all’interno della Struttura Complessa di Psichiatria.

Pianifica, organizza ed offre oltre alle tradizionali prestazioni di tipo psicoterapico e di sostegno, prestazioni di Psicotraumatologia e di Riabilitazione cognitiva ai cittadini, adulti e tardo adolescenti, residenti nell'area geografica della regione valle d’Aosta secondo linee guida standardizzate e condivise e secondo indirizzi di buona pratica.

La Struttura Semplice Psicotraumatologia e Riabilitazione Cognitiva è un Servizio ambulatoriale rivolto, in particolare, a quelle persone che nel percorso della loro vita hanno affrontato traumi importanti,destabilizzanti,destrutturanti e/o che hanno perduto parte della loro competenze cognitive, emotive, relazionali, comportamentali, anche a seguito di importanti quadri psicopatologici.

L’obiettivo è di far recuperare ai pazienti, attraverso metodiche standardizzate e scientificamente validate (Emdr e Training riabilitativo), una migliore qualità della loro vita.

Sede
Gli ambulatori della Struttura Psicotraumatologia e Riabilitazione Cognitiva si trovano al 1° piano della Struttura ex Maternità, in via Saint-Martin-de-Corléans, 248 - 11100 Aosta
telefono segreteria: 0165 54 60 13 / 0165 54 60 22
fax: 0165 54 60 33

Orari di apertura del servizio: Il Servizio sarà aperto dal lunedì al venerdì dalle ore 09:00 alle ore 17:00
L’accoglienza telefonica dell’utenza è prevista dalle ore 09:00 alle ore 12:00 dal lunedì al venerdì.

Gli utenti saranno indirizzati agli psicologi psicoterapeuti secondo percorsi diagnostici- terapeutici standardizzati, previo appuntamento.

Informazioni
La percentuale di persone soggette a gravi eventi stressanti e traumatici che sviluppa disturbi mentali è variamente valutata tra il 25% e il 33% (Yehuda, 1999). La prevalenza life-time del Disturbo Post - traumatico da Stress (o PTSD- Post Traumatic Stress Disorder) è valutata nella misura di circa l’8% nella popolazione degli Stati Uniti secondo il DSM –IV – TR. In Italia le stime si avvicinano a queste.

L’aver vissuto delle esperienze sfavorevoli può indurre l’individuo, se tali modalità non sono state adeguatamente elaborate, ad assumere modalità comportamentali e modelli cognitivi inadeguati e ridondanti che possono indurre una sofferenza psicologica.
Il poter rielaborare ricordi ed emozioni fortemente disturbanti può agevolare la ridefinizione da parte dell’individuo di schemi cognitivi e comportamentali radicati e controproducenti e che possono manifestarsi in quadri psicopatologici.
La rielaborazione può avvenire in un processo che prevede il rievocare l’esperienza attraverso la narrazione dei fatti e la riemersione delle emozioni, ancora attive e bloccate, connesse con l’esperienza traumatica.
Tale processo può essere facilitato ed accelerato con l’uso di tecniche specifiche quali appunto l’EMDR (Desensibilizzazione e Rielaborazione attraverso Movimenti Oculari). (Eyes Movement Desensitization and Reprocessing ).

COS’É L’EMDR
L’Eyes movement desensitization and reprocessing (EMDR) è un metodo terapeutico che è diventato uno strumento significativo per la pratica clinica. Il modello di riferimento è l’Elaborazione Adattiva dell’Informazione che si basa sull’importanza di accedere alle informazioni che sono immagazzinate in modo disfunzionale nella memoria, per portarle ad un’elaborazione adattiva. La stimolazione neurofisiologica propria dell’EMDR sembra attivare il sistema innato di elaborazione dell’informazione e potrebbe essere legato ai meccanismi di immagazzinamento della memoria.

LA CLINICA E LA RICERCA
La ricerca in questo campo ha rilevato che l’EMDR provoca dei cambiamenti a livello neurofisiologico, in particolare nell’attivazione del sistema limbico e nell’amigdala, che come è stato dimostrato, sono coinvolti nelle esperienze traumatiche. Queste esperienze non elaborate sono in genere considerate la causa primaria della sintomatologia del disturbo post traumatico da stress e possono essere fonte di disagio concorrenti allo sviluppo di altri disturbi, in particolare i disturbi d’ansia.

Attualmente esiste molta evidenza empirica scaturita dalla ricerca condotta con gruppi di controllo, che supportano la validità di questo metodo e nuovo approccio terapeutico per il Disturbo Post-Traumatico da Stress (PTSD) e la patologia trauma correlata.

CHE COS’È LA RIABILITAZIONE COGNITIVA
La Struttura Psicotraumatologia e Riabilitazione Cognitiva si propone di fornire una attività di Riabilitazione cognitiva a quei pazienti che hanno una sintomatologia cognitiva, ovvero un deficit della cosiddetta “cognitività”.

Tale attività avviene prevalentemente attraverso l’uso di programmi computerizzati validati e standardizzati dalle comunità scientifiche più accreditate.

Il training cognitivo ha durata mediamente di quattro, cinque mesi. Inoltre, con la metodica test-retest si valuta il progressivo miglioramento delle funzioni cognitive.

Tale attività è espletata attraverso un insieme di interventi che attraverso una stimolazione attiva tende a portare un paziente disabile, da un punto di vista mentale, relazionale e sociale, a raggiungere un livello ottimale di prestazione psicologica cognitiva e sociale.

Le tecniche e gli interventi previsti dai modelli compensatori tendono a incrementare l’autoefficacia e le abilità di coping, a potenziare l’autostima e ad aiutare le persone sofferenti a fare l’uso migliore possibile delle loro risorse individuali.

Come risulta da molti studi effettuati le funzioni cognitive non sono compromesse in maniera omogenea e non vengono colpite con modalità tutto - nulla, ma secondo un pattern di progressivo impoverimento.

L’intervento riabilitativo cognitivo può:
  • Migliorare l’adattamento funzionale del soggetto
  • Accrescere il benessere psicologico
  • Alleviare la disabilità del paziente nel proprio contesto ambientale.

Azienda USL della Valle d’Aosta