Riabilitazione Cardiologica - Attività

Segnalazione dei pazienti

Per lo più i pazienti vengono segnalati direttamente dal Reparto di Cardiologia al momento della dimissione, su di un'agenda preordinata. In genere l'attesa non supera i 4-7 giorni. In caso di necessità urgente di continuità assistenziale, i pazienti possono accedere al servizio il giorno successivo la dimissione tramite segnalazione telefonica da parte del medico di reparto.

Una minore percentuale di pazienti accede al servizio su segnalazione telefonica del medico di base, dei cardiologi, anche da zone limitrofe alla Valle d'Aosta, oppure su richiesta dei pazienti stessi. In quest'ultimo caso l'utente viene invitato ad un colloquio preliminare per valutare l'indicazione o meno al ciclo di riabilitazione cardiologica

Accoglienza

All'arrivo in Riabilitazione, il paziente viene accolto dall'Infermiera Professionale che si occupa della prima sistemazione nella sala d'attesa, della raccolta della documentazione clinica e dell'esecuzione dell'elettrocardiogramma iniziale.
Successivamente, il paziente viene sottoposto a visita cardiologica completa, al termine della quale viene redatta la cartella clinica (su supporto informatico) completa di tutte le informazioni riguardanti lo stile di vita del paziente .
Nella fase successiva vengono illustrati, sia al paziente che ad eventuali suoi familiari, gli obiettivi e le modalità del programma riabilitativo. Infine il paziente viene ricevuto dal fisioterapista che illustra le modalità generali di conduzione del training fisico.
Al paziente viene poi consegnato il programma scritto con gli appuntamenti relativi al training, agli eventuali esami necessari al completamento della valutazione funzionale, ecc...

Visite

I pazienti maggiormente compromessi o con pluripatologie, vengono controllati nella loro complessità e il medico cardiologo mantiene contatti con gli altri specialisti per le esigenze del caso.

L'organizzazione e la prenotazione di tutti gli altri accertamenti vengono effettuate direttamente dal servizio, in modo tale da semplificare al massimo le procedure .
Anche i prelievi ematochimici periodici vengono effettuati presso la Struttura.

Sedute di training

L'allenamento viene svolto in palestra. I protocolli del training (intensità, modalità, frequenza) si basano principalmente sul profilo di rischio del paziente e sul tipo di evento da cui il paziente è reduce, ma tengono conto anche dell'anamnesi lavorativa e ricreazionale.
Viene quindi stilato un vero e proprio progetto di intervento concordato tra il cardiologo ed i fisioterapisti.
Il programma si basa su ginnastica calistenica, training di resistenza a corpo libero e con l'ausilio di attrezzi o tramite banco di Koch , training aerobico. I pazienti vengono monitorati per l'elettrocardiogramma tramite telemetria sino a stabilità raggiunta e ad ogni incremento di livello di attività fisica .
Vengono inoltre registrati frequenza cardiaca, pressione arteriosa ed eventuali altri sintomi sopravvenuti. La conduzione e la sorveglianza del training è affidata ai fisioterapisti . In caso di problemi cardiaci il cardiologo è in grado di intervenire in palestra in meno di un minuto (presenza costante nel servizio durante l'attività di training).

A complemento delle attività di training i pazienti che lo desiderano sono sottoposti a sedute di rilassamento con la metodica del training autogeno. Queste hanno cadenza bisettimanale e vengono condotte dal fisioterapista e psicologa, a piccoli gruppi (4 persone).

Educazione Terapeutica

Nella struttura a partire dal 2005, è stata introdotta la figura di un’infermiera alla quale è affidato il coordinamento del programma d’educazione terapeutica.
Tale programma ha lo scopo di promuovere stili di vita sani, in collaborazione con la famiglia, attraverso un intervento che incrementi l’autoresponsabilità del paziente, e la piena coscienza che il suo comportamento è importante nel rallentare la progressione della malattia. Una delle azioni principali consiste, per esempio, nell’aiutare il paziente a scoprire i suoi punti di forza, sfruttando e riorganizzando positivamente le proprie energie cognitive ed emotive.

L’attività viene svolta attraverso 2 tipi di percorso:

Attività di gruppo, con carattere di informazione generale, che si concretizzano in riunioni con pazienti e familiari. Ogni riunione ha la durata di circa 1 ora e i temi trattati riguardano:

  • L’anatomia, la fisiologia e la patologia del cuore
  • I fattori di rischio coronarico
  • L’alimentazione la ripresa delle attività lavorativa e non
  • L’ansia e lo stress
  • Le modifiche allo stile di vita
  • L’aderenza alla terapia farmacologica
  • Le procedure cardiologiche in generale

In base ai  problemi rilevati, si organizzano riunioni a tema riservate ai soli pazienti interessati e ai loro familiari.

I temi trattati possono essere:

  • uso di terapia anticoagulante - ipertensione  - diabete - fumo

Attività individuali: se il paziente manifesta l’esigenza di non partecipare al gruppo, sono organizzati incontri individuali o con la presenza dei familiari.

Consulenza psicologica

Il ruolo dello psicologo nell’ambito della cardiologia riabilitativa è principalmente focalizzato sui temi della malattia e della tutela/promozione della salute. L’obiettivo generale dell’intervento psicologico è legato a favorire e migliorare l’aderenza dei pazienti rispetto ai cambiamenti richiesti al loro stile di vita in seguito all’evento cardiaco, al fine di prevenire le ricadute e migliorare la qualità di vita. L’intervento psicologico mirato alla specifica situazione del paziente, si attua attraverso: Colloqui clinici di valutazione in ingresso
Interventi di gruppo di sostegno e motivazionali
Colloqui di sostegno psicologico o psicoterapici brevi in pazienti che presentano reazioni depressive e ansia di rilievo clinico
Interventi di gruppo psicoeducazionali in cogestione con l’infermiera
Colloqui con i familiari

Consulenza dietologica

Il Servizio di Dietologia mette a disposizione una dietista per il percorso di educazione terapeutica e per diete personalizzate. Viene anche predisposto un questionario che permette di verificare le modifiche nel comportamento alimentare del paziente.

Colloquio con i parenti

Viene effettuato ogni qualvolta i parenti dei pazienti lo richiedano, compatibilmente con l'attività in corso.

Dimissione

Prima del termine del ciclo riabilitativo viene effettuata una valutazione clinica completa con il paziente e con i familiari. Vengono esaminati gli accertamenti effettuati, il profilo di rischio globale, la valutazione prognostica, l'attività fisica svolta, la valutazione psicologica, le prospettive lavorative.

Vengono infine consegnati una lettera dettagliata per il medico di famiglia ed uno schema individuale per la prosecuzione dell'attività fisica.

Archiviazione

Le cartelle dei pazienti, su supporto cartaceo o elettronico, vengono archiviate presso il Servizio.

Consulenze interne del Beauregard

Su richiesta, vengono effettuate le consulenze per i Reparti di Gastroenterologia, Ginecologia e Geriatria, Pediatria.

Le consulenze vengono effettuate nel giro di poche ore se urgenti, altrimenti nell'arco delle 24-48 ore successive.

Azienda USL della Valle d’Aosta