MisMI

MisMi - Modello integrato di salute per una montagna inclusiva


Durata 19/01/2017 – 20/01/2020

Partner
  • Azienda USL Valle d’Aosta (capofila)
  • Piano di Zona della Valle d’Aosta
  • Istituto Superiore Mario Boella sulle Tecnologie dell’Informazione e della Comunicazione (ISMB)
  • Assemblée du Pays Tarantaise Vanoise (APTV)
  • IFREMMONT
  • Centro ospedaliero d’Albertville-Moûtiers (CHAM)
  • Centre Intercommunal Action Sociale Versants d’Aime (EHPAD d’Aime)
  • EHPAD "La Centaurée" Bozel
Budget complessivo 1.833.012 euro

Territorio di intervento
Il progetto interviene nei territori della Tarentaise e nell’area della Regione Valle d’Aosta (distretti 1 e 2) che presentano numerosi tratti comuni: aree periferiche a rischio di spopolamento a causa della perdita di livelli di sostenibilità economica, della distanza dai centri urbani dotati di servizi e dalla conseguente progressiva perdita di attrattività per chi vi risiede e lavora.

Progetto
MisMi è il progetto transfrontaliero che riunisce ltalia e Francia con l’obiettivo di sviluppare servizi sociali e sanitari integrati di prossimità che contribuiscano a contrastare lo spopolamento delle zone di montagna e a ridurre le disuguaglianze di salute, in particolare attraverso il monitoraggio dello stato di salute delle persone, in particolare di quelle con malattie croniche, la prevenzione e la riduzione degli spostamenti verso gli ospedali. Il progetto si basa su due pilastri:
  1. empowerment delle persone e delle comunità del territorio
  2. utilizzo delle nuove tecnologie come leve per l’innovazione, il miglioramento della qualità e dell’accesso ai servizi e la riduzione dell’isolamento
Attività
La governance e la comunicazione si declinano e sono funzionali a svolgere le attività del progetto, valorizzando in particolare gli aspetti transfrontalieri del progetto. Costituiscono valore aggiunto, per la governance la valutazione d’impatto e, per la comunicazione, un’attenzione particolare allo sviluppo delle reti sociali sia sul territorio che sul web.
Rispetto al primo pilastro, empowerment delle persone e delle comunità del territorio, il primo passo sono gli atelier formativi transfrontalieri a partire dai quali sarà costruita una piattaforma comune di analisi dei bisogni, temi e metodi tra Italia e Francia.
I servizi sociali si svolgeranno con équipe multiprofessionali e valorizzando le reti e i legami sociali già presenti nei territori, con un’attenzione particolare per le persone a maggior rischio d’isolamento. In Francia come in Italia, MisMi si inserisce e valorizza le forme di programmazione già attive, ossia il Contrat Local de Santé in Tarantaise, e il Piano di Zona in Valle d’Aosta. Saranno implementati, da un lato, i progetti di promozione della salute, telemonitoraggio e di sostegno ai care givers, e dall’altro le attività dell’animatore di comunità e équipes territoriali multiprofessionali di base.
Per i servizi sanitari di prossimità, invece, il punto di partenza è la medicina d’iniziativa e l’evidenza della maggiore efficacia degli interventi che avvengono nei “luoghi di vita” rispetto a quelli che si limitano ai “luoghi della malattia”. Secondo il modello di MisMi, i professionisti sanitari, in particolare l’infermiere di famiglia e di comunità (IFeC) svolgono un ruolo proattivo di intercettazione del bisogno sanitario e concordano una strategia d’intervento che tiene conto sia delle specificità del soggetto preso in carico (stili di vita, patologie) sia del contesto in cui vive (isolamento, caregivers, familiari, reti di sostegno) al fine di favorire l’attivazione delle risorse individuali necessarie per il mantenimento del benessere.
Dopo le persone, gli strumenti: oltre che con l’empowerment delle persone e delle comunità, MisMi intende contrastare lo spopolamento delle zone isolate di montagna offrendo servizi di prossimità attraverso tecnologie innovative.
Con il teleconsulto, il telemonitoraggio e la telefisioterapia la tecnologia è al servizio dei cittadini, con applicazioni che inclusive rispetto alla comunità ed alle istituzioni e tali da migliorare la qualità dei servizi sanitari erogati in maniera economicamente sostenibile.













Link

Azienda USL della Valle d’Aosta