Sanità animale - Attività svolta

La Struttura Complessa Sanità Animale svolge un’attività di presidio sanitario sul territorio, con attività di screening, osservazione epidemiologica, certificazione, vigilanza/ispezione e informazione per quanto riguarda la prevenzione, il controllo e l’eradicazione delle malattie trasmissibili da animale ad animale e da animale a uomo (zoonosi). Attività svolte sempre più in coerenza con le direttive mondiali e comunitarie al fine di garantire efficaci interventi di prevenzione e di certificazione nell’ambito della salute degli animali da reddito finalizzati alla salubrità delle produzioni (dall’aratro al piatto), degli animali d’affezione e degli animali selvatici, rivolti alla promozione della salute, per preservare un corretto approccio tra l’uomo, l’animale e l’ambiente e allo scopo di verificare, in sinergia con le altre Strutture Complesse dipartimentali, la conformità alle normative volte segnatamente a:

  • prevenire, eliminare o ridurre a livelli accettabili i rischi per gli esseri umani e gli animali, siano essi rischi diretti o veicolati dall'ambiente;
  • garantire pratiche commerciali leali per i mangimi e gli alimenti e tutelare gli interessi dei consumatori, comprese l'etichettatura dei mangimi e degli alimenti e altre forme di informazione dei consumatori;
  • promuovere stili alimentari protettivi dello stato di salute.
In particolare l’équipe di Sanità Animale si occupa di:
  • Prevenzione, controllo, eradicazione delle malattie infettive e diffusive degli animali (piani nazionali obbligatori di eradicazione per Tubercolosi bovina, Brucellosi bovina e ovi-caprina e Leucosi Bovina Enzootica)
  • Tutela della sanità del bestiame negli allevamenti e vigilanza sui concentramenti e gli spostamenti animali (interventi su fiere, mercati, alpeggi, ecc.)
  • Prevenzione e controllo delle malattie trasmissibili all’uomo (zoonosi)
  • Lotta al randagismo e controllo della popolazione canina
  • Tutela della salute pubblica con interventi di polizia veterinaria
  • Presa in carico di tutti i cani e gatti catturati sul territorio regionale e privi di identificazione/proprietario, con interventi volti al loro riconoscimento (apposizione del microchip sottocutaneo), controlli durante la quarantena per la profilassi antirabida, visite cliniche, approfondimenti diagnostici (rx in loco e test di laboratorio effettuati con la collaborazione dell’IZS del Piemonte Liguria e Valle d’Aosta) ed interventi chirurgici di sterilizzazione.
  • Profilassi su tutti gli ospiti del Canile e Gattile regionale (vaccinazioni, terapie antiparassitarie, ecc.) al fine della prevenzione del randagismo e delle malattie trasmesse dagli animali d’affezione verso l’uomo, prima fra tutte la rabbia.

Azienda USL della Valle d’Aosta